Al via la consultazione pubblica sul Piano di “Open Government” di Palermo

Notizie (data pubblicazione 30 Luglio 2021)
Foto

Al via la consultazione pubblica sul testo del Piano d’Azione Locale del Governo Aperto della Città di Palermo, promossa dal Comune di Palermo e dall’associazione Parliament Watch Italia.

L'obiettivo è quello di raccogliere opinioni, contributi e commenti in vista dell’approvazione del primo Piano d’Azione Locale del Governo Aperto della Città di Palermo.

È partita oggi, 30 luglio, la consultazione pubblica sul testo del Piano d’Azione Locale del Governo Aperto della Città di Palermo, promossa dal Comune di Palermo e dall’associazione Parliament Watch Italia con lo scopo di raccogliere opinioni, contributi e commenti in vista dell’approvazione del primo Piano d’Azione Locale del Governo Aperto della Città di Palermo.

Fino al 12 settembre sono invitati a prendere parte alla consultazione pubblica i cittadini e le cittadine del Comune di Palermo, in forma singola e associata, tutte le persone interessate ai temi dell’Open Government e tutti coloro che intendono contribuire con proposte e suggerimenti a migliorare i contenuti dei 5 impegni assunti dal Comune e inseriti nel Piano d’Azione.

L’impegno alla scrittura del Piano d’Azione Locale del Governo Aperto  è stato assunto dal Comune di Palermo a ottobre 2020, con la candidatura a “OGP Local”, il programma di Open Government Partnership (OGP) dedicato ai governi locali. OGP è un’iniziativa internazionale che dal 2011 riunisce 79 governi nazionali, 76 governi locali e migliaia di organizzazioni della società civile, con l’obiettivo di rendere più trasparenti, partecipativi e collaborativi i governi coinvolti.

La consultazione pubblica si svolge su partecipa.gov.it, la piattaforma del Governo Italiano dedicata ai processi di consultazione e partecipazione pubblica, grazie alla collaborazione del Dipartimento della Funzione Pubblica e di FormezPA.

La piattaforma nazionale ospita questa consultazione locale perché il processo suscita interesse come modello per altre pubbliche amministrazioni locali che vorranno intraprendere in futuro il percorso. Il Comune di Palermo è infatti il primo - e al momento l’unico - in Italia a dotarsi di un piano locale per il governo aperto secondo la metodologia OGP.

Per partecipare alla consultazione occorre collegarsi alla pagina dedicata alla consultazione palermitana (link: https://partecipa.gov.it/processes/OGP-Palermo), registrarsi, consultare e successivamente - se ritenuto opportuno - commentare il testo del Piano d’Azione per la transizione al Governo Aperto.

Questo primo Piano si concluderà a giugno 2022, per rispettare la scadenza del mandato dell’Amministrazione comunale.

La redazione del Piano ha vissuto una prima fase che è terminata Il 21 giugno con la consegna - secondo il metodo OGP - delle richieste di impegno formulate dall’OGP Local Forum di Palermo, l’assemblea composta da rappresentanti della società civile e delle istituzioni palermitane che hanno risposto all’invito aperto per partecipare alla co-creazione del Piano.

Il 13 luglio 2021 il Comune di Palermo ha approvato la prima bozza del Piano d’Azione, che viene adesso posta in consultazione pubblica.

Il piano è costituito da una parte introduttiva, che presenta i motivi dell'adesione del Comune di Palermo al programma di governo aperto, le modalità operative e la visione strategica che ispira questo processo e da una seconda parte - sottoposta a questa consultazione pubblica - che contiene i testi dei cinque impegni richiesti dal Forum e integrati nel Piano d’Azione dal Comune. I temi scelti dal Forum per le richieste di impegni e gli impegni specifici sono:

1 Tema: Inclusione Sociale - Impegno: Implementazione piattaforma ICARO e stipula del Protocollo di utilizzo per la fruizione dei dati sensibili;

1 Tema: Trasparenza e Monitoraggio Civico - Impegno: Appalti pubblici e... pubblicati;

1 Tema: Ambiente - Impegno: Palermo Verde dalla A allo Zen;

1 Tema: Democrazia Partecipata - Impegno: Utilizzo dei fondi per la democrazia partecipata (legge regionale 5/2014);

1 Tema: Tavolo Democrazia Partecipata - Impegno: Le forme della gestione condivisa dei beni comuni.

Al termine della consultazione pubblica ed entro il 25 settembre, dopo la comunicazione sui risultati della consultazione, sarà approvata la versione definitiva del Piano d’Azione e entro la fine di settembre comincerà la fase di realizzazione degli impegni.

    

ogp
X

Ti è stata utile questa pagina?

Informativa privacy

Invia
Ti è stata utile questa pagina?
Per valutare questa pagina devi essere registrato  (Accedi)