Scuola – L’intervento dell’assessora Marano al dibattito sui “Possibili modelli educativi dalla Sicilia all’Europa” organizzato presso l’Università degli studi di Palermo.

Notizie (data pubblicazione 23 Novembre 2021)
Foto

L’assessora alla Scuola del Comune di Palermo, Giovanna Marano, è intervenuta stamani al dibattito “Possibili modelli educativi dalla Sicilia all’Europa” organizzato presso l’Università degli studi di Palermo, nell’ambito della Conferenza regionale Istruzione, Università e Formazione professionale in Sicilia.

«La transizione digitale che stiamo attraversando – ha affermato l’assessora - ha comportato e comporta un profondo salto tecnologico, al quale deve seguire necessariamente un salto generazionale che impegni giovani donne e uomini come protagonisti e propulsori della trasformazione sistemica del nostro modello di sviluppo.

La scuola  è investita da questo cambiamento ed è necessario fare i conti con un rapido percorso di innovazione dei processi educativi a partire dalla didattica differenziale, al fine di valorizzare le diversità del gruppo classe (da quelle culturali a quelle di genere), ma anche quelle individuali, così da ricercare le potenzialità di ciascuno e creare una scuola davvero inclusiva».

L’assessora Marano, nel corso degli anni, ha «toccato con mano anche il problema del divario tra nord e sud del paese, in termini di risorse e investimenti statali. Uno dei casi emblematici, condiviso all’incontro di questa mattina, è la differenza del numero di ore di scuola a cui studenti e famiglie possono avere accesso.

A Milano e provincia 96 classi di primaria su 100 usufruiscono del tempo pieno. A Palermo e Catania, invece, le classi sono tra 8 e 9 su 100.

Organizzare un tempo pieno di qualità per l'infanzia e la primaria dipende dalle risorse statali ed è – ha concluso - una necessità non rinviabile per poter aggredire la dispersione scolastica e le povertà educative e per poter stringere un patto educativo più efficace con le famiglie».

X

Ti è stata utile questa pagina?

Informativa privacy

Invia
Ti è stata utile questa pagina?
Per valutare questa pagina devi essere registrato  (Accedi)