Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Il mito di Nijinski al Teatro Massimo

(04 Maggio 2021)

Il mito di Nijinski rivive nella coreografia di Marco Goecke che il Corpo di Ballo del Teatro Massimo diretto da Davide Bombana presenta martedì 4 maggio in diretta streaming.

C’è tutta la parabola esistenziale del celebre ballerino russo Vaslav Nijinski, mito della danza del Novecento, nella coreografia per quadri di Marco Goecke, nell’allestimento dell’Opernhaus di Zurigo, ripresa a Palermo da Fabio Palombo per il Corpo di Ballo del Teatro Massimo, diretto da Davide Bombana. Il racconto dell’ascesa e della caduta di Nijinski, dai trionfi parigini all’isolamento in manicomio, si dispiega su una trama sonora che coniuga i concerti per pianoforte e orchestra n.1 e n.2 di Chopin con il Prélude à l'après-midi d’un faune di Debussy e le ninne nanne della tradizione russa nella versione dell’ensemble femminile Libana.

Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo la giovane direttrice israeliana Keren Kagarlitsky e al pianoforte Alexander Gadjiev che si fregia dell’ambìto titolo di “BBC New Generation Artist”.

Su un palcoscenico spoglio, disegnato dalle luci di Udo Haberland, dalle scene e costumi di Michaela Springer e dalla drammaturgia di Esther Dreesen-Schaback, appaiono i personaggi cruciali della vita leggendaria di Nijinski. Tra loro Sergej Diaghilev, amante dispotico e impresario dei Balletts Russes, l’amata madre Matka, la moglie Romola, che scatenò le gelosie di Diaghilev, l'amico Isayef, il Dottore, la Musa Tersicore e molti altri ancora. Fino allo stesso Nijinski, interpretato da Alessandro Cascioli, che danza tutto il genio inventivo e il disagio di una personalità tormentata dal “mal di vivere”.

In scena, a danzare Nijinski, oltre ad Alessandro Cascioli (Nijinski), Michele Morelli (Diaghilev), Romina Leone (Matka, la madre), Martina Pasinotti (Tersicore), Giovanni Traetto (Isajef), Linda Messina (Romola), Diego Mulone (Dottore), Giorgia Leonardi (La morte, "Quel Qualcosa"), Emilio Barone (Microboy), Yuriko Nishihara (Libellula), Alessandro Casà (Libellula uomo), Jessica Tranchina (Ragazza sbarra), Francesca Bellone (Spettro della rosa), Francesca Davoli (Solo sogno), Vincenzo Carpino (Solo sogno e Solo in rosso), Madoka Sasaki (Ragazza in rosso),Vito Bortone (scena gruppo).

Creato nel 2016, Nijinski è uno spettacolo pluripremiato che ha girato il mondo ed è firmato dal coreografo tedesco Marco Goecke, artista in residenza in compagnie europee prestigiose come la Gauthier Dance/Theaterhaus di Stoccarda, il Nederland Dans Theater dell’Aia e direttore dello Staatsballett di Hannover.  Come coreografo – afferma Marco Goecke - Nijinsky ha sempre cercato nuovi modi di espressione ..Mi è stato chiaro fin dall'inizio che volevo realizzare una coreografia emotiva, che traesse ispirazione dal personaggio di Nijinsky, ma che dovesse assolutamente andare oltre la ristretta cornice della biografia”.

La coreografia di Goecke è connotata da movimenti rapidissimi, minuti e nervosi, mani che vibrano, braccia che mulinano nell'aria, gesti che potrebbero ricordare sequenze del cinema muto e che evocano molti dei balletti che hanno reso celebre Nijinski e i Balletts Russes: da Petrushka a L'aprèsmidi d'un faune, da Le spectre de la rose a Le sacre du printempsMa ci restituiscono anche tutto l’incedere della malattia in cui Nijinski è sprofondato via via, fino a perdersi consumato dal delirio schizofrenico.
A Palermo lo spettacolo è stato ripreso da Fabio Palombo, assistente di Marco Goecke, e dal Maître de ballet Jean-Sébastien Colau.

Nijinski è disponibile da martedì 4 maggio alle 18.30 sulla webTv del Teatro Massimo diretta da Gery Palazzotto, con la regia televisiva di Antonio Di Giovanni. Per assistere basta collegarsi al sito www.teatromassimo.it.

4 maggio ore 18.30
NIJINSKI

Coreografia Marco Goecke
Scene e costumi Michaela Springer
Luci Udo Haberland
Drammaturgia Esther Dreesen-Schaback
Produzione ripresa da Fabio Palombo
Maître de ballet Jean-Sébastien Colau
Allestimento della Opernhaus di Zurigo
 
Musiche
Fryderyk Chopin Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in mi minore op. 11
Libana Russian Lullaby
Claude Debussy Prélude à l'après-midi d’un faune
Fryderyk Chopin Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in fa minore op. 21
 
Direttore Keren Kagarlitsky
Pianoforte Alexander Gadjiev
 
Personaggi e interpreti
Nijinski Alessandro Cascioli
Diaghilev Michele Morelli
Matka, la madre Romina Leone
Tersicore Martina Pasinotti
Amico Isajef Giovanni Traetto
Romola Linda Messina
Dottore Diego Mulone
La morte, "Quel Qualcosa" Giorgia Leonardi
Microboy Emilio Barone
Libellula Yuriko Nishihara
Libellula uomo Alessandro Casà
Ragazza sbarra Jessica Tranchina
Spettro della rosa Francesca Bellone
Solo sogno Francesca Davoli
Solo sogno e Solo in rosso Vincenzo Carpino
Ragazza in rosso Madoka Sasaki
Scena gruppo Vito Bortone
 
Corpo di ballo e Orchestra del Teatro Massimo
 
Nuova versione in adattamento alla normativa di sicurezza

mappa
foto foto foto foto foto foto foto foto foto